mercoledì 16 ottobre 2019

monetizzazione standard e prescrizione

Qualche giorno fa è stata pubblicata una sentenza del TAR Lombardia che si pronuncia su un tema su cui ho da sempre riflettuto e su cui finalmente viene fatta luce: la monetizzazione degli standard urbanistici soggiace alla stessa "regola" della prescrizione decennale come per il contributo di costruzione di cui all'art. 16 DPR 380/01?



la risposta data dalla sentenza n°1949 sez II del 05 settembre 2019 TAR Lombardia è affermativa: le eventuali monetizzazioni degli standard non corrisposte in tutto o in parte trascorsi 10 anni dal momento in cui avrebbero dovuto essere versate, non possono più essere richieste dal Comune, come per gli oneri concessori.

La risposta alla domanda non era banale, perché la monetizzazione degli standard, sebbene siano sempre soldi da dare al Comune in virtù di un dato intervento edilizio (per esempio un cambio di destinazione d'uso) che richiede un differenziale di standard urbanistici (ex DM 1444/68), è concettualmente e sostanzialmente una cosa diversa dagli oneri concessori.

Gli oneri concessori, dovuti ai sensi dell'art. 16 del DPR 380/01, è una somma da devolvere al comune per far partecipare il privato alle attività di infrastrutturizzazione della città mediante la realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria e interventi di manutenzione. Gli standard urbanistici invece sono degli spazi, da reperire fisicamente, che devono essere devoluti alla pubblica amministrazione (o che rimangono privati ma comunque vincolati per sempre ad una data destinazione) per far si che ogni cittadino possa avere una quota di servizi pubblici minimi garantiti (verde pubblico, servizi tipo scuole e ospedali, parcheggi pubblici): la normativa italiana ha introdotto ad un certo punto il concetto di poter convertire questi spazi in moneta, e questo perché in alcuni interventi minori effettuati in contesti urbani già pesantemente urbanizzati, può essere fisicamente impossibile reperire queste aree o, comunque, se uno deve reperire pochi metri quadri, è facile che sia una superficie del tutto inutile per un Comune per realizzare dei servizi efficienti (immaginiamo per esempio un intervento di recupero sottotetti dove, grosso modo, vanno reperiti una quantità di standard più o meno pari alla superficie stessa di quella recuperata: con 20 o 30 metri quadri di appezzamento di terreno, cosa può farne un comune?), mentre invece i soldi, da che mondo è mondo, fanno sempre comodo.

Entrambe le prescrizioni, quella del contributo di costruzione e degli standard, sono obblighi di legge (previsti entrambi appunto dal DPR 380/01), ma per entrambe vale lo stesso principio, da oggi, della prescrizione decennale delle eventuali somme non corrisposte.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il commento. verifica di essere "nell'argomento" giusto: ho scritto diversi post su vari argomenti, prima di commentare controlla che il quesito non sia più idoneo ad altri post; puoi verificare i miei post cliccando in alto nel link "indice dei post". I commenti inseriti nella pagina "chi sono - contatti" non riesco più a leggerli, quindi dovrete scrivere altrove: cercate il post con l'argomento più simile. In genere cerco di rispondere a tutti nel modo più esaustivo possibile, tuttavia potrei non rispondere, o farlo sbrigativamente, se l'argomento è stato già trattato in altri commenti o nel post stesso. Sono gradite critiche e più di ogni altro i confronti e le correzioni di eventuali errori a concetti o procedure indicate nel post. Se hai un quesito delicato o se non riesci a pubblicare, puoi scrivermi in privato agli indirizzi che trovi nella pagina "chi sono - contatti". Sul blog non posso (e non mi sembra giusto) pubblicare le mie tariffe professionali: scrivimi un email per un preventivo senza impegno. Grazie.