domenica 26 luglio 2020

DL semplificazioni e dem-ric in zona A: un passo indietro?

Il Decreto Semplificazioni, di cui ho già parlato qui ed anche qui, ha introdotto diverse novità, anche nel senso di incentivare gli interventi di sostituzione edilizia. tuttavia, nelle zone A questa condizione è molto peggiorata rispetto alla versione delle norme prima del Decreto: vediamo perché.

Immagine da Pixabay

Il D.L. 16 luglio 2020 n°76 va a sostituire gli ultimi due periodi della lettera d) comma 1 art. 3 del DPR 380/01 non stravolgendo radicalmente l'impostazione normativa ma introducendo delle specifiche ancora diverse rispetto a prima. Anzitutto, viene estesa la definizione di ristrutturazione anche alle demolizioni e ricostruzioni che contemplano variazione della collocazione dell'edificio nel lotto, ovvero differente sedime: ciò, secondo alcuni, è stata la risposta del legislatore alla sentenza della Corte Costituzionale n°70/2020 (ne ho parlato qui, in fondo al post).

La demolizione e ricostruzione dunque ad oggi può rientrare nella ristrutturazione edilizia anche se prevede incrementi volumetrici, purché consentiti dalle norme vigenti anche per la rigenerazione urbana (e, attenzione, solo in questo caso: negli altri rimane un intervento di ampliamento facilmente rientrante nella nuova costruzione), ed in ciò si allaccia alla nuova formulazione del comma 1 ter art. 2 bis, sempre modificato dal medesimo decreto Legge, che consente le deroghe alle distanze anche in caso di ampliamenti, se operati attraverso demolizione e ricostruzione.

Negli immobili soggetti a vincoli istituiti ai sensi del Codice dei Beni Culturali (da intendersi ricompresi tutti i vincoli sia della parte II che della parte III del testo), nonché – novità della nuova formulazione di luglio 2020 – anche nelle zone territoriali di tipo A, la demolizione e ricostruzione, nonché il ripristino di edifici non più esistenti, rientra nella ristrutturazione edilizia solo dove non comporta modifica della sagoma, dei prospetti, dell'area di sedime, e, inoltre, solo laddove non contempla ampliamento volumetrico. Il vincolo al rispetto anche dei prospetti è che lei una novità della versione di luglio 2020. Rispetto alla formulazione previgente, questa nuova è maggiormente stringente nei contesti vincolati e, soprattutto, amplia queste restrizioni anche alle zone territoriali di tipo A, le quali in alcune realtà locali, come ad esempio Roma, sono particolarmente estese anche oltre al "centro storico" propriamente detto.

Tutte queste specifiche di cui sopra vanno lette sempre assieme all'art. 10 comma 1 lettera c) che specifica gli interventi che sono soggetti a permesso di costruire o SCIA ad esso alternativa. La lettura combinata dei testi art. 3 comma 1 lett. d) e art. 10 comma 1 lett. c) modificati dal DL 76/20 può apparire contraddittoria: da un lato nel nuovo art. 3 c. 1. let.. d) (di cui si riporta un estratto del testo vigente: “Rimane fermo che, con riferimento agli immobili sottoposti a tutela [...], nonché a quelli ubicati nelle zone omogenee A, gli interventi di demolizione e ricostruzione e gli interventi di ripristino di edifici crollati o demoliti costituiscono interventi di ristrutturazione edilizia soltanto ove siano mantenuti sagoma, prospetti, sedime e caratteristiche planivolumetriche e tipologiche dell’edificio preesistente e non siano previsti incrementi di volumetria; ”), come visto, non fa rientrare nella ristrutturazione edilizia gli interventi su beni vincolati e/o siti nelle zone A che comportano modifiche della sagoma, del volume e dei prospetti, mentre l'art. 10 c. 1 lett. c) (di cui si riporta un estratto del testo vigente: “ gli interventi di ristrutturazione edilizia che portino ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente, nei casi in cui comportino anche modifiche della volumetria complessiva degli edifici ovvero che, limitatamente agli immobili compresi nelle zone omogenee A, comportino mutamenti della destinazione d’uso, nonché gli interventi che comportino modificazioni della sagoma o della volumetria complessiva degli edifici o dei prospetti di immobili sottoposti a tutela ai sensi del Codice dei beni culturali e del paesaggio di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42. ”) li fa rientrare tra gli interventi assoggettabili a permesso di costruire o SCIA alternativa.

Ciò significa che a tutti gli effetti, ad oggi, quelli di dem-ric con modifica di volume e sagoma di beni vincolati non sono interventi di ristrutturazione, pur rientrando comunque nell'alveo della SCIA alternativa al PdC. Tuttavia, siccome nella formulazione innovata dell'art. 10 non c'è il riferimento alle zone territoriali di tipo A che invece è stato introdotto nell'articolo 3, potrebbe dedursi che, ad oggi, gli interventi di dem-ric con diversa sagoma e aumento di volume in queste zone non siano autorizzabili con SCIA alternativa perché non espressamente ricompresi nella lettera c) e, parallelamente, espressamente esclusi dalla definizione di “ristrutturazione”; laddove la condizione di vincolo si somma a quella di risiedere in zona A, cosa assai frequente a Roma, dovrebbe applicarsi la disposizione più restrittiva che a questo punto è l'appartenere alla zona A.

Ciò sta a significare che in zona A, dove, generalmente, i piani regolatori non consentono la “nuova costruzione” (così quello di Roma), le demolizioni e ricostruzioni rimarranno intrappolate nell'alveo del tassativo rispetto di sagoma, prospetti e volumi, rendendo vani gli effetti della LRL 7/17 sulla Rigenerazione (la quale comunque non si poteva applicare nella zona Patrimonio Unesco, quindi semmai alla zona A di Roma esterna al centro storico entro le mura Aureliane), in quanto oggi deve ritenersi prevalente l'imposizione della norma nazionale su quella regionale, oppure subordinati all'approvazione, da parte del Comune, di piani di recupero i cui tempi di approvazione però vanno spesso in conflitto con i tempi di ritorno degli investimenti immobiliari privati.

Ciò rappresenta probabilmente la volontà di porre maggiore attenzione alla tutela delle zone storiche anche meno antiche, probabilmente a valle degli "scandali" che sono succeduti alle demolizioni, o a tentativi di demolizione, di alcuni villini nel quartiere Trieste e Nomentano a Roma che già è stata la base che ha spinto la Soprintendenza ad apporre un nuovo, specifico vincolo paesaggistico su una parte di questi territori. Avrei però personalmente preferito che la cosa fosse resa maggiormente chiara modificando ad esempio anche la lettera e) del comma 1 art. 3 DPR 380/01 aggiungendo la specifica che tali trasformazioni rientrano nella definizione di "nuova costruzione", oppure creando una definizione ad hoc; questo perché ormai tutte queste modifiche cominciano ad intrecciarsi tra loro ed il testo unico sta andando verso una formulazione articolata di complessa lettura.


Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il commento. verifica di essere "nell'argomento" giusto: ho scritto diversi post su vari argomenti, prima di commentare controlla che il quesito non sia più idoneo ad altri post; puoi verificare i miei post cliccando in alto nel link "indice dei post". I commenti inseriti nella pagina "chi sono - contatti" non riesco più a leggerli, quindi dovrete scrivere altrove: cercate il post con l'argomento più simile. In genere cerco di rispondere a tutti nel modo più esaustivo possibile, tuttavia potrei non rispondere, o farlo sbrigativamente, se l'argomento è stato già trattato in altri commenti o nel post stesso. Sono gradite critiche e più di ogni altro i confronti e le correzioni di eventuali errori a concetti o procedure indicate nel post. Se hai un quesito delicato o se non riesci a pubblicare, puoi scrivermi in privato agli indirizzi che trovi nella pagina "chi sono - contatti". Sul blog non posso (e non mi sembra giusto) pubblicare le mie tariffe professionali: scrivimi un email per un preventivo senza impegno. Grazie.