martedì 28 aprile 2015

Roma tecnici news: istituito il COQUE, PdC telematico, nuovo regolamento edilizio

Oggi - anzi, ieri - è comparso questo trafiletto sul sito ufficiale di Roma Capitale, nel quale, in poche righe, si condensano novità che potremmo definire dirompenti da un certo punto di vista.

Ecco le novità contenute nel laconico comunicato, farcito con qualche mio doveroso commento di circostanza:
  • è stato istituito il nuovo regolamento del Comitato per la Qualità Urbana ed Edilizia (CoQUE) e, pertanto, decade il sistema in vigore finora che consentiva di depositare la domanda, per pura formalità, ed ottenere de facto il relativo parere. Se non sapete cosa è il CoQUE ed a cosa serve il relativo parere, potete leggere quest'altro mio post (se ne parla verso la fine del post). I membri del comitato verranno presto nominati, dunque in questi giorni è ancora in vigore la precedente procedura (si deposita e si ha automaticamente il parere positivo). Il "nuovo" CoQUE avrà come membri interni dei tecnici scelti dagli albi professionali di architetti, ingegneri e geometri, mentre un altro gruppo di membri sarà scelto dalle università romane ed un altro gruppo ancora sarà selezionato con avviso pubblico.
  • Roma Capitale sta per presentare "nei prossimi giorni" una nuova procedura per la presentazione telematica dei Permessi di Costruire. non è escluso, anzi è auspicabile, che si tratti di una piattaforma trasversale, magari ispirata a quella che si è vista in funzione per qualche mese per la DIA qualche anno fa, che consentirà, magari dopo un po di rodaggio iniziale, la presentazione telematica anche degli altri atti urbanistici (DIA, SCIA, CILA, CIL), facendo in modo che Roma Capitale finalmente sia adeguata alla normativa urbanistica nazionale che impone ai comuni di consentire anche l'invio telematico di tali atti. Se non è una rivoluzione, poco ci manca.
  • è in corso di redazione un nuovo Regolamento Edilizio. Quello attuale deriva sostanzialmente da quello del 1934, ed è stato integrato in alcuni punti più che altro per adeguarlo alle normative nazionali che man mano venivano pubblicate; è indubbio che risulti obsoleto sotto molti aspetti e manchevole di diverse istruzioni che oggi tali documenti dovrebbero avere. Chissà se si saranno ispirati a queste indicazioni fatte qualche anno fa dalla provincia di Roma che non mi sembravano malaccio.

33 commenti:

  1. Risultano novità sul COQUE? non sono riuscito a trovarle sul sito di Roma Capitale.
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non risulta ancora istituito il nuovo comitato, pertanto per ora le domande vanno solo formalmente depositate ma non vi sarà alcuna istruttoria.

      Elimina
  2. scusami dove trovo il regolamento edilizio di roma

    RispondiElimina
  3. Ciao Marco, mi confermi che un immobile in via archimede, ai parioli , quindi città storica, ma non all'interno delle mura Aureliane, non in carta della qualità , e NON rientranti tra i beni culturali immobili e i beni paesaggistici tutelati ai sensi di legge per cui devo fare un intervento in SCIA (Apertura da finestra a portafinestra) è sottoposto a parere coque prima di presentare la SCIA?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. facendo un intervento con modalità ordinaria (quindi senza leggi speciali) trattandosi di RE2 a mio parere sì, bisogna acquisire prima il parere coque, se non c'è nessun'altra forma di vincolo.

      Elimina
    2. Si difatti, e hai idea se il parerà coque "scade"? Per presentare eventualmente anche tra un anno la scia

      Elimina
  4. Ciao Marco,
    sto seguendo un negozio in zona monteverde, città storica t7, fuori dale mura Aureliane, quindi soggetto a Coque. Volevo chiederti se secondo te è possibile installare in facciata , piano terra, il motore di un'unità split interna? E' una cosa da richiedere il parere Coque? Considera che ho l'autorizzazione del condominio a farlo, ma (giustamente), non ce ne è installato nessuno in facciata , se non sui balconi privati. grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'installazione di unità esterne (fino ad una certa potenza) è stato definito attività edilizia libera dal glossario edilizia libera, quindi dato che il Coque si esprime dalla RE in su, a mio parere non deve essere interpellato per questo tipo di intervento. Verifica la presenza di ulteriori vincoli, per i quali potrebbe invece essere necessario acquisire altre autorizzazioni.

      Elimina
    2. Grazie molte, prezioso come sempre

      Elimina
  5. Buonasera Marco, quali sono le tempistiche date dalla tua esperienza professionale per il rilascio del parere del CO.Q.U.E. ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. attualmente tendenzialmente veloci, molto inferiori ai 45gg.

      Elimina
  6. Buongiorno Marco, devo presentare una SCIA alternativa al PdC per una ristrutturazione edilizia che prevede un parziale cambio di destinazione d'uso. L'edificio è fuori le Mura ma assimilato alla città storica (T5) pertanto devo passare dal CoQUE (piccole modifiche esterne e costruzione di una serra captante). Consigli di demandare al Municipio l'inoltro della pratica al CoQUE oppure di andare direttamente prima del protocollo della SCIA e quindi ottenuto il parere andare avanti con il Municipio? Sempre grazie per la tua disponibilità. Rosario

    RispondiElimina
    Risposte
    1. conviene andare direttamente, altrimenti la validità della SCIA comincia a correre solo dal momento in cui il COQUE rilascia il parere: se lo presenti tu, accorci le tempistiche.

      Elimina
    2. Buongiorno, ma che voi sappiate in questo periodo il parere COQUE può essere presentato anche via PEC oppure solo in modalità cartacea? grazie mille, Fabrizio

      Elimina
    3. seguo anche io la questione della presentazione via pec.. ma non ho trovato notizie o contatti a cui fare riferimetno epr avere notizie

      Elimina
    4. anche io sarei interessata a sapere procedure coque in questo periodo, grazie

      Elimina
    5. le richieste coque, in questa fase, si depositano presso il protocollo generale del dipartimento PAU: pensano loro a smistare la domanda al Comitato. attenzione ad usare la modulistica predisposta e invito a leggere le linee guida aggiornate a dicembre 2020.

      Elimina
  7. Salve architetto,
    vorrei un suo consiglio, ma per sanare un prospetto ( porta finestra diventata finestra) quindi una SCIA in sanatoria, serve comunque il parere preventivo del Coque se sono fuori le mura ma assimilato a città storica T7 ? e posso contemporaneamente presentare la SCIA al Comune dichiarando che ho presentato il parere preventivo? Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il Coque si esprime anche sugli accertamenti di conformità.

      Elimina
  8. Ciao Marco secondo te ha senso (al fine di accorciare i tempi) presentare una pratica al genio civile ( intervento locale x allargamento di porta ) per un fabbricato soggetto a coque visto che rientra nella carta della qualità? Grazie mille

    RispondiElimina
  9. Rettifico, immobile NON SOGGETTO AL COQUE ma alla soprintendenza. in quanto rientra nella carta della qualità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ho capito la domanda: se si chiede se ha senso depositare assieme genio civile e sovrintendenza, la risposta è che può avere senso, ma ovviamente c'è un certo rischio, non nullo, che ad uno dei due uffici non stia bene il progetto e quindi poi vada cambiato per entrambi.

      Elimina
  10. Salve Architetto,
    per un intervento zona Casal Palocco (ricadente in carta qualità punto 4a_3 della guida G2) di sostituzione infissi (con cambio materiale) e installazione di pannelli solari in copertura, è necessario il parere preventivo del COQUE ?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se si ricade in carta qualità la competenza è della sovrintendenza Capitolina.

      Elimina
    2. Grazie Architetto,
      per gli interventi su menzionati fuori dal centro storico, è necessaria una CILA con presentazione contestuale sul Suet della pratica per la sovrintendenza?
      Grazie

      Elimina
    3. se le opere ricadono in CILA, la procedura di parere della Sovrintendenza è integrata nel deposito telematico.

      Elimina
  11. Buongiorno Architetto
    devo presentare una scia per una chiusura e apertura di una porta su parete portante di un appartamento zona esquilino municipio 1 che rientra nella carta della qualità tav. G1.11 ELEMENTI DEGLI SPAZI APERTI e nel PRG Città Storica tessuto T7.
    Secondo lei devo chiedere il parere alla Sovraintendenza?
    E che tipo di Vincolo é?
    Grazie mille

    RispondiElimina
  12. Buongiorno Architetto,
    mi avvalgo della sua competenza in materia per dirimere un dubbio amletico circa il parere preventivo del CoQUE -espresso retroattivamente- su accertamenti di conformità di opere già eseguite prima dell’istituirsi del Comitato (nel 2015) e prima della norma posta a salvaguardia dei tessuti (dal 2008) con l’approvazione del NPRG.
    Debbo regolarizzare con SCIA in sanatoria la modifica esterna di una finestra e una nuova finestra realizzate in corso d'opera in fase di cantiere nel ’54, ma difformi dal progetto licenziato. Di fatto dovrei proporre una variante al progetto dell’epoca che il progettista non ha, a suo tempo, formalmente evaso. Siamo nella città storica T7, fuori dalle mura Aureliane, non incluso in Carta della Qualità. Per realizzare opere esterne in categoria RE, come leggo da art. 24 co.12 NTA, è richiesto il parere del CoQUE, ma ne deduco che ciò si riferisca soltanto ad opere da eseguire, considerando il dato oggettivo che il vincolo della qualità sia stato apposto solo dopo che le opere erano state compiute, e che dunque i prospetti sarebbero stati ‘de facto’ acquisiti alla tutela per come sono da allora e nella realtà di adesso, e non come sarebbero stati, secondo il progetto cartaceo se questi fosse stato rispettato.
    Dunque il quesito che Le pongo è il seguente: per quali motivi o da dove si evince che il CoQUE debba o abbia titolo per esprimersi
    a) su opere eseguite prima dell’esistenza della norma di tutela e che il Comitato non potrebbe comunque condizionare a diverse opzioni, dato che sono già state eseguite?
    b) e in base a quale principio di prassi o di norma esso sia delegato a pronunciarsi su opere che nella sostanza siano già tutelate per come sono e non siano state modificate da quando la salvaguardia esiste?
    Grazie dell'attenzione
    Arch. L.A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il concetto che sta alla base della necessità di acquisire il parere coque in questi casi risiede nel fatto che l'accertamento di conformità prevede la cosiddetta doppia conformità, cioè che l'intervento deve risultare fattibile anche ad oggi, oltre che al momento della realizzazione. Dato che ad oggi le norme prevedono l'acquisizione del parere, occorre svolgere questa formalità: nel caso è proprio una formalità quasi inutile perché il comitato non si metterà a disquisire su trasformazioni effettuate quando non era istituito o quando non era operativo. In pratica, è una procedura che serve solo per la forma, ma potrebbe ritenersi legittima, sotto altri aspetti, anche una istanza presentata in assenza di parere perché, in questi casi, ci sarebbe la presunzione della non necessità della procedura perché il comitato potrebbe non avrebbe le basi giuridiche per poter dire che non gli sta bene l'intervento, laddove pure fosse: insomma un po'lo stesso tema delle opere di RE ma esclusivamente interne.

      Elimina
  13. Buonasera, desideravo sapere se visto il periodo contingente covid le richieste per parere coque si presentano di persona o se si inviano tramite pec. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è già da diverso tempo che è stata adottata la procedura di invio via PEC al protocollo generale del dPAU.

      Elimina
  14. Buongiorno, da qualche parte ho letto che la commissione per il Coque è legata alla giunta comunale, quindi quando c'è una nuova giunta la commissione va rinominata. Siccome io dovrei presentare richiesta per parere coque quanto prima, desideravo sapere se lei aveva notizie in merito o se invece non fosse così.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quello che so io è quanto segue (non garantisco la perfetta correttezza delle informazioni): la commissione attuale continuerà ad operare per 60gg dalla nomina del nuovo sindaco, il quale potrà eventualmente decidere di riconfermare l'attuale comitato per l'intera sua legislatura (mi pare si possa fare una volta sola). se non lo fa, l'attuale Comitato decadrà e cesserà di operare allo scadere dei 60gg, e per istituire un nuovo comitato occorrerà fare un nuovo bando.

      Elimina

Grazie per il commento. verifica di essere "nell'argomento" giusto: ho scritto diversi post su vari argomenti, prima di commentare controlla che il quesito non sia più idoneo ad altri post; puoi verificare i miei post cliccando in alto nel link "indice dei post". I commenti inseriti nella pagina "chi sono - contatti" non riesco più a leggerli, quindi dovrete scrivere altrove: cercate il post con l'argomento più simile. In genere cerco di rispondere a tutti nel modo più esaustivo possibile, tuttavia potrei non rispondere, o farlo sbrigativamente, se l'argomento è stato già trattato in altri commenti o nel post stesso. Sono gradite critiche e più di ogni altro i confronti e le correzioni di eventuali errori a concetti o procedure indicate nel post. Se hai un quesito delicato o se non riesci a pubblicare, puoi scrivermi in privato agli indirizzi che trovi nella pagina "chi sono - contatti". Sul blog non posso (e non mi sembra giusto) pubblicare le mie tariffe professionali: scrivimi un email per un preventivo senza impegno. Grazie.