mercoledì 18 dicembre 2013

elegante ma non troppo

Un cliente ci ha commissionato questo delicato compito: "vestire", principalmente attraverso i rivestimenti e l'arredo, una porzione di multifamiliare in corso di costruzione. Dati per certi i volumi degli ambienti, e valutato che non vi era la necessità di effettuare modifiche planimetriche, il nostro apporto progettuale si è concentrato tutto sulla scelta dei rivestimenti, sul tocco discreto ma calibrato dei colori delle pareti e, soprattutto, sulla progettazione degli elementi d'arredo, tutti realizzati da falegnamerie artigiane "su misura".

L'immobile si sviluppa su tre livelli. Al piano più basso vi è un ampio living, che abbiamo caratterizzato con una parete attrezzata con cucina ed elementi di libreria, il tutto "incorniciato" da una veletta in cartongesso dipinta di rosso. All'interno di questa cornice prende posto anche il camino, integrato nell'arredo stesso. Nel progettare questa parete abbiamo dovuto tenere conto di alcuni elementi "di disturbo" come un pilastro in cemento ed un cavedio impiantistico, ovviamente non rimovibili nè riducibili: un vincolo non necessariamente è un ostacolo, anzi molto spesso la soluzione progettuale nasce proprio dalla contemplazione di cosa non si può
toccare.

Lo stile in questa realizzazione vuole essere sobrio, elegante ma non troppo, a tratti moderno, laddove serve. Uno stile sicuramente caldo, sereno. Forse un po anni '80, ma con garbo.

Al piano intermedio trova posto una cucina di servizio, un'altra mini cucina che si sviluppa su una superficie di circa 6 metri quadri. Il rivestimento dei pannelli è una laccatura lucida rossa, mentre per il top e per il rivestimento a parete si è scelto un marmo scuro: il risultato è un (secondo noi) armonioso contrasto tra scuro e forte, tra lucido e placido.

 Nel piccolo living del piano intermedio siamo intervenuti sempre in modo non invasivo progettando la libreria del soggiorno, ma abbiamo anche modificato l'estetica delle porte fornite dal costruttore, sostituendo le mostre originali con altre mostre eseguite dal falegname, utilizzando i colori e le finiture degli arredi dello stesso ambiente.

Ai piani superiori troviamo le camere da letto ed i bagni. In tutti gli ambienti sono presenti elementi d'arredo su misura: questo tipo di arredo non necessariamente viene usato per estetica, ma anche per
praticità ed efficienza nell'uso degli spazi. Solo un mobile su misura può consentire uno sfruttamento millimetrico dello spazio a disposizione in stanze magari piccole oppure con perimetri non regolari, oppure ancora su piani mansardati dove si deve combattere con un'altezza ridotta o magari anche con una falda in pendenza.

Laddove ce lo chiede la committenza, cerchiamo di "incastrare" nella ristrutturazione delle nicchie murarie a perfetta misura di mobili commerciali con misure standard: in questo modo si ottiene l'effetto dell'arredo su misura ma sfruttando il costo inferiore dell'arredo commerciale. Comunque non dovete partire con il presupposto che la falegnameria su misura sia molto costosa: certamente è quasi sempre più costosa degli arredi standardizzati di fascia economica, ma quando si va su arredi di
marca, con finiture di pregio, allora il costo rispetto ad un mobile su misura non è poi tanto dissimile.

Nei bagni abbiamo curato sia il disegno della posa dei rivestimenti e sia la progettazione degli arredi specifici.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il commento. verifica di essere "nell'argomento" giusto: ho scritto diversi post su vari argomenti, prima di commentare controlla che il quesito non sia più idoneo ad altri post; puoi verificare i miei post cliccando in alto nel link "indice dei post". I commenti inseriti nella pagina "chi sono - contatti" non riesco più a leggerli, quindi dovrete scrivere altrove: cercate il post con l'argomento più simile. In genere cerco di rispondere a tutti nel modo più esaustivo possibile, tuttavia potrei non rispondere, o farlo sbrigativamente, se l'argomento è stato già trattato in altri commenti o nel post stesso. Sono gradite critiche e più di ogni altro i confronti e le correzioni di eventuali errori a concetti o procedure indicate nel post. Se hai un quesito delicato o se non riesci a pubblicare, puoi scrivermi in privato agli indirizzi che trovi nella pagina "chi sono - contatti". Sul blog non posso (e non mi sembra giusto) pubblicare le mie tariffe professionali: scrivimi un email per un preventivo senza impegno. Grazie.